La cipolla nella storia.

Nell’Antico Egitto si riteneva che il suo odore potesse riportare in vita i morti.

Nell’Antica Roma, invece, i Gladiatori la usavano come unguento sulla pelle per rinforzare i muscoli.

Nel Medioevo venivano usate per pagare l’affitto, ed erano considerate un buon regalo.

Col passare del tempo queste credenze si sono tramandate, infatti si narra che agli inizi del ‘900 un medico recatosi in una casa di contadini per vedere se a causa di un’epidemia anche loro erano stati contagiati, si accorse che erano tutti sani.

Inoltre vide che il capofamiglia portava da una stanza all’altra un piatto con una cipolla all’interno.

Il medico non credeva a quanto aveva visto, quindi portò via una cipolla ed esaminandola, vide che era ricca di batteri oltre che a quello del virus dell’influenza.

Da queste osservazioni si è giunti a delle conclusioni: che le cipolle assorbano i batteri circostanti in pochissimo tempo è vero ed è anche vero che assorbano l’umidità circostante.

Un pensiero su “La cipolla nella storia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...