Maschera naturale per capelli all’arnica.

Questa maschera è ideale per rinvigorire i capelli fragili, che tendono a cadere e apparire deboli e spenti.

Occorrente:

  • 1 uovo.
  • Miele q.b.
  • Olio essenziale di arnica q.b.
  • Olio evo q.b.
  • 100 g di hennè neutro.
  • Tè nero q.b.

Preparazione:

Amalgamare un tuorlo d’uovo con 3 cucchiai di miele, 3 gocce di olio essenziale di arnica e 2 cucchiai di olio evo.

Impastare con 100 grammi di hennè neutro.

Tenere in posa per 2 ore circa e sciacquare quindi con del tè nero.

Annunci

Maschera alla banana per capelli sfibrati.

Questa maschera è indicata per rinforzare i capelli sfibrati, che si spezzano.

La banana è ricca di vitamine e sali minerali che rigenerano la fibra del capello rinforzandolo e rendendolo più forte e bello.

Occorrente:

  • 1 banana.
  • Olio evo q.b.
  • Olio essenziale di lavanda q.b.

Preparazione:

Tagliare a pezzi una banana e schiacciarla fino a ottenere una purea.

Aggiungere quindi due cucchiai di olio evo e qualche goccia di olio essenziale di lavanda.

Applicare la maschera in modo uniforme sui capelli umidi e lasciare in posa 20 minuti.

Risciacquare quindi i capelli abbondantemente con acqua tiepida e procedere con lo shampoo.

Kiwi Detox.

Il kiwi, in virtù del suo elevato contenuto di vitamine, può essere applicato sul viso direttamente a rondelle, per nutrire la pelle e ottenere un’azione Detox.

Ma si presta anche alla preparazione di moltissime maschere.

Occorrente:

  • 1/2 Kiwi.
  • Olio di mandorle q.b.
  • Yogurt compatto al naturale q.b.

Per migliorare la consistenza della maschera, frullare 1/2 kiwi con buccia, dopo aver tolto la peluria e averlo lavato.

Unire un cucchiaino di olio di mandorle e quattro cucchiai di yogurt naturale compatto.

Lasciare in posa per 10-15 minuti e risciacquare abbondantemente con acqua calda.

Maschera all’uovo, yogurt e miele per capelli.

Questa maschera è adatta per nutrire i capelli bruciati da trattamenti aggressivi come piastra o stirature eccessive.

Occorrente:

  • 1 uovo.
  • Yogurt bianco q.b.
  • Miele q.b.

Preparazione:

Mettere in un contenitore un uovo, quattro cucchiai di yogurt bianco e tre cucchiai di miele.

Mescolare con un cucchiaio di legno e applicare sui capelli, avvolgendoli con della pellicola da cucina.

Lasciare in posa per alcuni minuti e procedere quindi con lo shampoo.

Maschera con miele e semi di lino per capelli crespi.

Questa maschera è ideale per idratare e disciplinare i capelli crespi.

L’olio di semi di lino è un ingrediente molto nutriente e ristrutturante, mentre il miele ammorbidisce i capelli, li ripara e li protegge dalle aggressioni esterne.

Occorrente:

  • Miele q.b.
  • 20 ml di olio di semi di lino.

Preparazione:

Unire 20 ml di olio di semi di lino con un cucchiaio di miele.

Stendere quindi la maschera in modo uniforme sui capelli umidi.

Lasciare in posa per almeno mezz’ora, quindi sciacquare con uno shampoo delicato.

Maschera contro l’acne al limone.

La vitamina C, contenuta nel limone facilita la rigenerazione dei tessuti e l’acido L-ascorbico, che è un forte astringente, aiuta a combattere l’acne e a ridurne i segni.

Occorrente:

  • Succo di limone q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione:

Mescolare il succo di limone e l’olio extravergine d’oliva in parti uguali, applicare sul viso massaggiando con cura e dopo 15 minuti, pulire il viso con acqua appena tiepida.

Maschera illuminante al radicchio.

Il radicchio aiuta a dare alla pelle un aspetto luminoso e sano, con un’azione interna e una esterna.

Ricco di antiossidanti, consumato anche come cibo, la depura e ne contrasta l’invecchiamento.

Due effetti che si ottengono anche con applicazioni locali.

Occorrenti:

  • 4 fette di cetriolo.
  • 4 foglie di radicchio rosso.
  • 1 vasetto di yogurt.

Preparazione:

Porre in un mixer quattro fette di cetriolo dello spessore di 1 cm, quattro foglie di radicchio rosso già tritate grossolanamente e un vasetto di yogurt compatto.

Stendere la maschera sul viso e tenerla in posa per 10-15 minuti, poi risciacquare con acqua tiepida.

Esfoliante alle mandorle.

Occorrente:

  • 2 mandorle.
  • 1 cucchiaio di miele.

Preparazione:

Tritare le mandorle in un mortaio (o in un macina caffè), fino a ottenere una polvere finissima.

Mischiare la polvere con il miele.

Se si desidera è possibile aggiungere anche un cucchiaio di succo di limone, che schiarisce l’epidermide.

Applicare il composto con delicatezza sul viso, con massaggi circolari e far asciugare per 15 minuti.

Sciacquare con acqua tiepida.

Impacco all’Arnica.

L’arnica va usata solo per via esterna.

Allergie ai suoi componenti quali piante della famiglia delle composite, oltre a trattamenti troppo prolungati, possono causare irritazioni cutanee.

Per ottenere l’impacco, innanzitutto si prepara un decotto con due cucchiai di fiori secchi o freschi, facendoli bollire 3-4 minuti in un litro d’acqua.

Si lascia riposare 10 minuti, poi si filtra la soluzione.

Con il decotto tiepido o freddo si imbevono garze o teli di cotone da applicare sulla zona da trattare.

Si lascia 20 minuti in posa e si applica una, al massimo due volte al giorno per un periodo di tempo limitato.

In alternativa al decotto si può usare la tintura, diluendo 20 gocce in mezzo bicchiere d’acqua.

Questo impacco è utile per trattare traumi ed ematomi, dolori muscolari, infiammazioni e dolori articolari.

Maschera idratante al mandarino.

Per una pelle morbida e idratata questo trattamento è l’ideale, da ripetere una volta alla settimana, efficace anche contro le macchie cutanee.

Occorrente:

  • 1 mandarino.
  • 2 cucchiai di yogurt bianco.
  • 1 cucchiaino di olio extravergine d’oliva.

Preparazione:

Lasciare un mandarino a mollo in acqua tiepida per un paio di minuti (così libererà più succo), spremere il mandarino, unirlo a due cucchiai di yogurt bianco compatto e un cucchiaino di olio extravergine d’oliva.

Mescolare bene fino a ottenere una crema omogenea.

Stendere la crema sul viso, evitando il contorno occhi.

Massaggiare delicatamente qualche minuto e poi risciacquare con abbondante acqua tiepida.