Il Gonfalone Cerimoniale.

Il gonfalone cerimoniale detto di Sant’Ambrogio, viene utilizzato nelle occasioni ufficiale, anche oggigiorno, rappresenta una copia di dimensioni ridotte del gonfalone originale del Comune di Milano, opera presumibilmente realizzata nel XIX secolo, con ampi restauri apportati nel Novecento per mantenerne costante la funzionalità.

Come nell’originale, al centro campeggia Sant’Ambrogio, che impugna il pastorale e lo staffile, emblema della sua lotta contro gli eretici ariani, atterrati ai suoi piedi.

In basso sono allineati gli stemmi delle porte e delle pusterle della cittĂ .

L’imponente gonfalone originale, troneggiante in una delle più imponenti sale del Castello Sforzesco di Milano, fu eseguito tra il 1565 e il 1567 e fu decorato in parte con scene dipinte e in parte con ricami, realizzati da Scipione Delfinone e Camillo Posterla.

Per dimensioni e ricchezza ornamentale si tratta di una delle opere piĂą suggestive e affascinanti del Cinquecento lombardo.

 

Annunci

Le Opere dell’esposizione “Inside Magritte”.

Alcune delle opere che è possibile ammirare durante la visita dell’esposizione “Inside Magritte” presso la Fabbrica del Vapore di Milano.

NHTO8042

IMG_E2862

IMG_2940

IMG_2917

IMG_2908

IMG_E2923

IMG_E2867

IMG_3151

IMG_E3043

Inside Magritte.

“Inside Magritte” è il nuovo e inedito percorso espositivo multimediale dedicato al grande pittore surrealista René Magritte (1898 –1967).

A partire dal 9 ottobre 2018 fino al 10 febbraio 2019 l’esposizione animerĂ  la Cattedrale della Fabbrica del Vapore a Milano con immagini, suoni, musiche, evocazioni e suggestioni che ricostruiranno l’universo pittorico di Magritte, immergendo lo spettatore in un’esperienza unica e davvero suggestiva.

La visita proposta dura circa 50 minuti ed è divisa principalmente in tre diversi punti, nella prima stanza sarĂ  possibile ripercorrere i periodi artistici e biografici del pittore, nella seconda e ampissima stanza, l’“experience-room” il visitatore potrĂ  godere di un’esperienza immersiva a 360° che coinvolgerĂ  lo spazio nella sua totalitĂ  dalle pareti al pavimento le immagini delle opere diventeranno esempio e sfoggio dell’arte di Magritte, dagli esordi alle ultime opere, 160 immagini selezionate, per una visione completa del pensiero e dell’evoluzione artistica di Magritte.

Infine si potrĂ  visitare un’ultima stanza dove tramite l’esperienza di realtĂ  3D con gli Oculus VR, sarĂ  possibile entrare all’interno di un percorso di realtĂ  virtuale attraverso le varie opere pittoriche come se fosse un sogno.

 

Informazioni Utili:

 

Come arrivare alla “Fabbrica del Vapore”.

In Metropolitana

Linea M5. Fermate: Monumentale o Cenisio.

In Tram

Linea 10. Fermata: Monumentale M5.
Linea 12. Fermata: P.le Cim. Monumentale Via Bramante | Cenisio M5.
Linea 14. Fermate: Cenisio M5 | P.le Cim. Monumentale.

 

Orari e riduzioni sul biglietto dell’esposizione.

Gli orari di apertura di Inside Magritte sono i seguenti: lunedì dalle 14.30 alle 19.30; martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle 9.30 alle 19.30; giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30 (la biglietteria chiude sempre un’ora prima).

I biglietti hanno un prezzo di 14 euro (ridotto 12 euro per ragazzi dai 14 ai 26 anni, over 65 e disabili; ridotto speciale 7 euro per bambini dai 6 ai 13 anni e possessori di abbonamenti annuali Atm; ridotto 7 euro per i martedì universitari, tutti i martedì con tesserino obbligatorio; ridotto 3 euro per bambini dai 3 ai 5 anni; ingresso gratuito per bambini minori di 3 anni e un accompagnatore per disabile; previsti anche biglietti famiglia con 1 o 2 adulti a 12 euro e figli a 7 euro).

Sainte-Chapelle.

Questo raffinato edificio, una splendida ex cappella reale, rappresenta uno straordinario esempio dell’architettura medievale parigina.

Fu commissionata a metĂ  del XIII secolo del re Luigi IX per accogliere le sacre reliquie (come la corona di spine e pezzi della vera croce di GesĂą, oggi appartenenti al tesoro di Notre-Dame) portati in patria dalle crociate.

La chiesa è tutto ciò che resta dell’antico Palais de la Citè, quello che era il palazzo reale.

L’architettura concilia archi rampanti, sculture e straordinari soffitti; il tutto decorato da incantevoli vetrate originali del XIII secolo con 1100 complesse scene bibliche, che fanno della cappella superiore un luminoso spettacolo per chi si trovi a visitarla.

Fotografie scattate all’interno di Sainte-Chapelle:

 

IMG_E9728

IMG_E9654

IMG_9674

IMG_9537

L’Adorazione dei Magi a Milano.

Da sabato 1 dicembre 2018 fino a domenica 13 gennaio 2019, si svolgerĂ  il tradizionale appuntamento natalizio con l’arte presso Palazzo Marino a Milano (Piazza della Scala al numero 2), giunto alla sua undicesima edizione i visitatori potranno ammirare presso la sala Alessi, un capolavoro realizzato da Pietro Cristoforo Vannucci meglio noto come il Perugino (CittĂ  della Pieve, circa 1450 – Fontignano, 1523): l’ “Adorazione dei Magi”.

L’opera, concessa eccezionalmente in prestito dalla Galleria Nazionale dell’Umbria, è datata intorno al 1475.

 

Informazioni Utili:

 

Ingresso libero.

Orari di apertura al pubblico:
Tutti i giorni dalle ore 9:30 alle ore 20:00 (ultimo ingresso alle ore 19:30).
Giovedì dalle ore 9:30 alle ore 22:30 (ultimo ingresso alle ore 22:00).

Festività:     
8, 25 e 26 dicembre 2018, 1 e 6 gennaio 2019 aperti dalle ore 9:30 alle ore 20:00 (ultimo ingresso alle ore 19:30).

 

La Fondazione Prada.

La Fondazione Prada, presieduta da Miuccia Prada e Patrizio Bertelli, è un’istituzione dedicata alla cultura e all’arte contemporanea.

Attualmente ha due sedi: a Milano e a Venezia.

La sede di Milano è situata in Largo Isarco, nella zona sud di Milano.

La Fondazione Prada, progettata dallo studio di architettura OMA, guidato da Rem Koolhaas, espone e condivide l’arte con il pubblico, sviluppandosi su una superficie totale di 19.000 m2.
Caratterizzata da un’articolata configurazione architettonica che combina edifici preesistenti a tre nuove costruzioni (Podium, Cinema e Torre), è il risultato della trasformazione di una distilleria risalente ai primi decenni del Novecento.

Nel progetto di OMA coesistono quindi due dimensioni: l’opera di conservazione e l’ideazione di una nuova architettura che, pur rimanendo distinte, si confrontano in un processo di continua interazione e mescolamento, creando a mio avviso un mix unico e davvero suggestivo.