Curiosità sulle lenticchie.

  1. La lenticchia o “lente” è una pianta erbacea della famiglia delle leguminose della quale si consumano i semi contenuti in baccelli che, una volta raccolti, vengono essiccati.
  2. La lenticchia ha una storia lunghissima che risale al 7000 a.C..
  3. Originaria dell’Asia Sud-Occidentale, si è diffusa lungo le coste del Mediterraneo diventando uno degli alimenti portanti nella dieta greca e romana, grazie ai suoi elevati valori nutrizionali.
  4. Le lenticchie sono un alimento povero di grassi ma sono al contempo altamente nutrienti e ricche di ferro, proteine e carboidrati.
  5. Le lenticchie vanno conservate in luogo fresco e asciutto, dentro contenitori di vetro o nel loro sacchetto di confezionamento per un massimo di un anno. Prima di cucinarle, occorre lasciarle in acqua per almeno 12 ore.
  6. La lens culinaris, comunemente detta lenticchia è una pianta che produce dei semi commestibili appunto le lenticchie.
  7. Legume facile da coltivare, grazie alle sue proprietà nutritive divenne un alimento importante nei periodi di carestia e miseria; da qui il suo “secondo” nome “carne dei poveri”.
  8. Vi sono diverse varietà di lenticchie che si distinguono per colore e dimensione. Tra le principali varietà in commercio vi sono la lenticchia di Castelluccio di Norcia, dal seme piccolo e marrone, mentre tra le varietà più antiche ricordiamo la lenticchia di Enna, la cui coltivazione e raccolta viene svolta manualmente e la rara lenticchia di Ustica, che cresce sui terreni vulcanici dell’omonima isola.
  9. Le lenticchie, oltre che prive di colesterolo e glutine, contengono anche ottime quantità di fibre.
  10. Esistono diverse tipologie di lenticchie, da quelle marroni o gialle, a quelle rosse, a quelle verdi che possono essere consumate naturalmente (o decorticate), ed ogni tipologia ha un apporto di nutrienti molto importante e differente.
Annunci

Cotechino con lenticchie.

Ingredienti x 4 persone:

  • 1 cipolla.
  • 70 g di pancetta.
  • 600 g di lenticchie.
  • 2 cotechini.
  • Sale q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione:

Sbucciare e tritare una cipolla, tagliare a cubetti 70 grammi di pancetta e rosolare il tutto in una casseruola con l’olio.

Unire 600 grammi di lenticchie, mescolando il tutto, quindi coprire con acqua fredda e cuocere per circa un’ora a fiamma bassa.

Salare verso fine cottura.

Incidere la pelle di due cotechini da 500 grammi, spellarli e tagliarli a fette, unirli alle lenticchie, quindi cuocere ancora per 40 minuti unendo altra acqua, se occorre.

Trasferire il tutto su un vassoio e servirlo ben caldo.

Mattonella di lenticchie.

Ingredienti x 4 persone:

  • 250 g di lenticchie.
  • 4 carote.
  • 1 sedano.
  • 1 scalogno.
  • 2 foglie di alloro.
  • 3 fogli di colla di pesce.
  • 1 peperone rosso.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione:

Cuocere in acqua 250 grammi di lenticchie con due carote, la costa di un sedano, uno scalogno e due foglie di alloro.

Regolare di sale e di pepe.

Scolare le lenticchie dall’acqua e versarle in un contenitore rettangolare.

Ricoprire con la gelatina ottenuta sciogliendo tre fogli di colla di pesce in poca acqua.

Guarnire la mattonella di lenticchie con due carote cotte al vapore e tagliate a rondelle e un peperone rosso, tagliato a striscioline.

Far rapprendere in frigorifero per qualche ora.

Servite a temperatura ambiente.

Legumotti con verdurine primavera.

Ingredienti x 4 persone:

  • 300 g di Legumotti (ceci, lenticchie rosse e piselli).
  • 100 g di fagiolini.
  • 80 g di piselli sgranati.
  • 80 g di taccole.
  • 50 g di Parmigiano Reggiano.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione:

Tuffare i fagiolini puliti in acqua bollente salata e cuocere per 2-3 minuti, scolarli con un mestolo forato e passarli sotto l’acqua fretta.

Cuocere allo stesso modo le taccole e ripetere anche con i piselli per 4-5 minuti.

Trasferire tutte le verdure in una ciotola, tagliare i fagiolini e le taccole a pezzettini, poi condire con sale, pepe e 4-5 cucchiai d’olio.

Intanto cuocere i legumotti in abbondante acqua bollente salata per il tempo indicato sulla confezione.

Scolarli, trasferirli nella ciotola con le verdure, regolare di sale e pepe, irrorare con un filo d’olio, mescolare il tutto e suddividere nei piatti.

Completare con il parmigiano reggiano a scaglie e un’abbondante macinata di pepe.

Sedanini di lenticchie rosse con peperoni e olive nere.

Ingredienti x 4 persone:

  • 400 g di sedanini di lenticchie rosse.
  • 1 peperone rosso grande.
  • 200 g di pomodorini.
  • 2-3 cucchiai di olive nere denocciolate.
  • 1 spicchio d’aglio.
  • 4 rametti di origano secco.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Peperoncini secchi per decorare.

Preparazione:

Pulire il peperone, eliminando il picciolo, i semi, le costole bianche e tagliarlo a fettine molto sottili.

Rosolare lo spicchio d’aglio in una padella con quattro cucchiai d’olio, finché sarà dorato, poi eliminarlo.

Aggiungere i peperoni e cuocere a fiamma viva, mescolando in continuazione per 5-6 minuti, finché saranno ben rosolati.

Lavare i pomodorini e dividerli in quarti.

Aggiungerli nella padella con i peperoni e proseguire la cottura per 3-4 minuti, dopodiché regolare di sale e pepe, unire le olive e far insaporire il tutto.

Nel frattempo cuocere i sedanini in abbondante acqua salata per il tempo indicato sulla confezione, scolarli, trasferirli nella padella con il sugo e fare insaporire per alcuni istanti.

Suddividerli nei piatti e decorare con l’origano i peperoncini secchi.

Alta pressione!

Le pentole a pressione si prestano per la cottura di moltissimi alimenti:

  • CEREALI

I cereali integrali sono ideali per la pentola a pressione.

Prepararli è semplice: basta versarli nella pentola e aggiungere la quantità d’acqua consigliata.

Si possono anche fare preparazioni più complesse, come il risotto.

Qui però occorre un po’ di pratica, a partire dai tempi: non cuocere il riso oltre i quattro minuti.

Subito dopo aver tolto il vapore, mettere la pentola sotto l’acqua corrente fredda, per evitare che il riso si scuocia.

È possibile preparare anche un’ottima polenta.

Unico difetto: non potendo mescolarla, si attacca un po’ sul fondo della pentola durante la cottura.

  • CARNE E PESCE

Ottima cottura per la carne, molto meno per il pesce, che è un alimento troppo delicato per questo tipo di cottura.

Il pesce ha infatti una cottura così veloce che e meglio lasciar perdere l’uso della pentola a pressione.

Altro discorso per la carne: dal pollo al manzo, questa cottura può regalare grandi soddisfazioni, bisogna soltanto avere l’accortezza di rosolare bene la carne prima di mettere il liquido.

Se invece si desidera cucinare un arrosto, i primi passi sono identici a quando viene preparato in casseruola: fare il soffritto, rosolare bene la carne da ogni lato, condire e aggiungere un bicchiere d’acqua.

Coprire e portare la carne a cottura.

  • VERDURE

Per cuocere bene le verdure nella pentola a pressione occorre usare l’apposito cestello, che di solito si trova in dotazione: questo impedirà agli ortaggi di toccare l’acqua direttamente e di perdere i loro nutrienti.

Sarà come cuocere al vapore, soltanto molto più velocemente.

Privilegiare le verdure consistenti, come carciofi, finocchi, carote, cavoli di tutti i generi, mentre la pentola a pressione può essere troppo violenta per gli ortaggi che si disfano facilmente o perdono le loro caratteristiche, come quelli a foglia verde.

Tortino ai piselli.

Ingredienti x 4 persone:

  • 200 g di piselli.
  • 100 g di ricotta.
  • 150 g di formaggio morbido.
  • 50 g di parmigiano grattugiato.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione:

Cuocere 200 grammi di piselli.

A cottura avvenuta, unirli a 100 grammi di ricotta, 150 grammi di formaggio morbido e 50 grammi di parmigiano grattugiato.

Aggiustare di sale e di pepe e infine versare il composto in una tortiera rivestita di carta da forno.

Porre lo sformato in forno a 180°C per circa 30 minuti.

Una volta pronto sfornare e far raffreddare, dopodiché al centro di un piatto da portata rovesciare il tortino, tagliandolo a fette.

Servire accompagnando con insalata.