La leggenda del mandorlo.

La mitologia greca narra di una principessa della Tracia, di nome Fillide, che incontrò Demofonte, figlio di Teseo, sbarcato nel suo regno per una sosta durante la navigazione verso la città di Troia.

I due giovani si innamorarono perdutamente, ma Demofonte fu costretto a proseguire il suo viaggio con gli Achei, per combattere nella guerra di Troia.

La giovane principessa, dopo 10 anni di guerra, non vedendolo tornare con le navi vittoriose, si lasciò morire per la disperazione.

La dea Atena, commossa da questa struggente storia d’amore, trasformo la ragazza in un mandorlo.

Demofonte in realtà non era morto e quando seppe che la ragazza era stata trasformata in un albero, abbracciò la pianta, che, per ringraziare delle carezze ricevute, fece prorompere dai suoi nudi rami, candidi fiori.

10 Curiosità sulle mandorle.

  1. Le mandorle sono i semi del mandorlo, originario dell’Asia Minore, appartenente alla famiglia delle Rosacee.
  2. Il suo nome deriva dal latino “Amygdalus” che si riconduce al nome della dea greca Cibale: la grande madre.
  3. Le mandorle sono ricche di fibre, proteine, sali minerali tra cui ferro, calcio e magnesio, zinco, vitamine del gruppo B ed E, l’amigdalina o vitamina B17; tale vitamina,chiamata anche “laetrile”, è tutt’ora oggetto di studi, volti a verificare le sue proprietà anti-cancerogene.
  4. Grazie all’apporto di vitamine sono ottime antiossidanti utili per contrastare gli effetti dell’invecchiamento e il buon contenuto di ferro e calcio rendono le mandorle utili negli stati di anemia e per mantenere la salute delle ossa.
  5. Il Mandorlo, originario dell’Asia centrale deve ai Greci la sua diffusione nel bacino del Mediterraneo, tra il V e il IV secolo a.C.
  6. E’ tra la poche specie a fiorire in inverno, ricoprendo pianure e colline di candidi petali.
  7. Dalla mandorla si ottiene una farina utile come detergente cutaneo e ammorbidente per la pelle delle mani.
  8. Da essa si ricava, per sola spremitura a freddo, anche un eccellente olio cosmetico perfettamente tollerato da tutti i tipi di pelle (anche dei neonati), ottimo protettivo cutaneo, rassodante dei tessuti e perfetto per prevenire le smagliature.
  9. Dalle mandorle dolci, invece, si ottiene un gustoso latte, ricco di oligo-elementi e vitamine, soprattutto riboflavina e vitamina E.
  10. La mandorla viene considerata anche un frutto dell’amore. Il potere afrodisiaco deriva principalmente dalle sue proprietà nutritive e dalla forma, che le antiche tradizioni arabe associavano all’idea degli organi genitali femminili.

Cioccolatini di mandorle.

Ingredienti x 4 persone:

  • 200 g di mandorle.
  • 100 g di zucchero a velo.
  • 2 cucchiai di rum.
  • 100 g di cioccolato fondente.

Preparazione:

Frullare 200 grammi di mandorle pelate, fino a farle diventare una granella.

Unire 100 grammi di zucchero a velo e due cucchiai di rum.

Riprendere a frullare fino a quando si sarà ottenuto un composto omogeneo.

Con l’impasto ottenuto creare delle palline e passarle in 100 grammi di cioccolato fondente, che si sarà fatto fondere precedentemente a bagnomaria.

Dopo aver imbevuto le palline nel cioccolato, spolverarle con una manciata di mandorle sbriciolate.

Tenere i cioccolatini in frigorifero fino al momento di servirli.

 

Pollo con mandorle.

Ingredienti x 4 persone:

  • 500 g di petto di pollo.
  • 150 g di mandorle perlate.
  • 1 cipollotto.
  • 5 cucchiai di olio di semi.
  • 3 cucchiai di salsa di soia.
  • 20 g di maizena.
  • 1 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato.

Preparazione:

Tagliare i petti di pollo a cubetti e passarli nella maizena.

Mettere in una padella antiaderente un cucchiaio di olio di semi e tostare le mandorle tagliate a lamelle, quindi sollevarle e metterle da parte.

Nella stessa padella, scaldare 4 cucchiai di olio di semi e far appassire il cipollotto, insieme allo zenzero grattugiato.

Appena il cipollotto sarà imbiondito, aggiungere i bocconcini di pollo e farli cuocere a fuoco medio per circa 15 minuti.

Qualche minuto prima della fine della cottura, unire le mandorle tostate e la salsa di soia, abbassare la fiamma e mescolare delicatamente gli ingredienti.

Servire il pollo alle mandorle accompagnato, se si preferisce con del riso basmati.

 

 

Biscotti alle mandorle.

Ingredienti x 4 persone:

  • 400 g di mandorle.
  • 200 g di zucchero.
  • 2 uova.
  • Acqua di fiori d’arancio q.b.

Preparazione:

Tritare 400 grammi di mandorle sgusciate in modo da ottenere una polvere finissima.

Aggiungere 200 grammi di zucchero semolato, gli albumi di due uova e uno spruzzo di acqua di fiori d’arancio.

Lavorare il tutto fino a ottenere un panetto di impasto omogeneo.

Stendere l’impasto su una spianatoia e con delle formine, creare i biscotti.

Cuocere in forno a 250°C per una decina di minuti.

Esfoliante alle mandorle.

Occorrente:

  • 2 mandorle.
  • 1 cucchiaio di miele.

Preparazione:

Tritare le mandorle in un mortaio (o in un macina caffè), fino a ottenere una polvere finissima.

Mischiare la polvere con il miele.

Se si desidera è possibile aggiungere anche un cucchiaio di succo di limone, che schiarisce l’epidermide.

Applicare il composto con delicatezza sul viso, con massaggi circolari e far asciugare per 15 minuti.

Sciacquare con acqua tiepida.

Dolce alle mandorle.

Ingredienti x 4 persone:

  • 150 g di mandorle.
  • 250 g di zucchero.
  • 1 bustina di vanillina.
  • 1 tuorlo d’uovo.
  • Chiodi di garofano q.b.
  • 3 albumi.
  • 300 g di pasta frolla.

Preparazione:

Tritare 150 g di mandorle, unendo ogni tanto un cucchiaio di zucchero e un pizzico di vanillina, versare il tutto in una ciotola e aggiungere un tuorlo d’uovo.

Unire poi qualche chiodo di garofano e l’albume montato a neve.

Con 300 g di pasta frolla, ottenere un disco che andrà usato per rivestire uno stampo da crostata e versare il composto di mandorle.

Con altra pasta frolla fare delle striscioline da sistemare sul dolce, formando la classica “grata”da crostata.

Infornare a 180°C per circa 40 minuti.

Servire calda.

Pollo alle mandorle e birra.

Ingredienti x 4 persone:

  • 500 g di petto di pollo.
  • 1 cipolla bionda.
  • 1/2 L di birra chiara.
  • 100 g di mandorle pelate.
  • Farina q.b
  • Pepe nero q.b
  • Olio extravergine q.b

Preparazione:

Tagliare il petto di pollo a tocchetti e passare i pezzi ottenuti nella farina.

In un tegame con un filo d’olio far appassire la cipolla a fettine sottili e sfumare con 1/4 L di birra.

Aggiungere nel tegame contenente la cipolla, il pollo precedentemente infarinato e cuocere fino alla completa doratura.

Una volta cotto coprire con la restante birra, regolando di sale e far fumare a fuoco medio fino a quando la salsina non si sarà addensata.

A fine cottura (20 minuti circa) aggiungere le mandorle precedentemente tostate e amalgamare il tutto con un filo d’olio a crudo e pepe nero.

Servite ben caldo.