Crostini di polenta e ragù.

Ingredienti x 4 persone:

  • 250 g di Polenta.
  • 50 g di Ragù alla bolognese.

Preparazione:

Tagliare la polenta a fette di circa 1 centimetro abbondante, da cui ricavare dei cubetti.

Foderare una teglia con carta da forno e mettervi i cubetti di polenta.

Passarli al grill del forno a 250° C fintanto che non risulteranno uniformemente abbrustoliti, girando i cubetti di tanto in tanto.

Servire accompagnando con il ragù tiepido.

Le mille sfaccettature della polenta.

Esistono moltissime tipologie di polenta, in base alla farina che viene utilizzata per prepararle:

  • Polenta gialla: La classica polenta di mais (la più diffusa oggigiorno).
  • Polenta taragna: Non è solo una ricetta, ma un tipo di polenta, ovvero una miscela di farina di mais e grano saraceno, tipica della Valtellina.
  • Polenta bramata: Semplicemente la polenta a grana grossa, la più tipica è quella bergamasca.
  • Polenta bianca: Tipica polenta veneta, diversa da tutte le altre, è ottenuta dal raro mais bianco, è più delicata ed è una prelibatezza di cui i veneti sono molto orgogliosi.
  • Polenta integrale: Miscela di farina di mais integrale e altre farine integrali.
  • Pulenta (o farru): Antico piatto sardo, è la polenta di farina di farro.
  • Polenta istantanea: E’ la classica polenta precotta. Viene prima cotta al vapore, poi tostata e venduta per essere preparata in pochi minuti, disponibile sia gialla che bianca.

La polenta.

Ingredienti x 2 persone:

  • 800 ml di acqua.
  • 5 g di sale grosso.
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva.
  • 200 g di farina di mais per polenta.

Preparazione:

La polenta andrebbe preparata nel paiolo in rame, ma se non si ha a disposizione è possibile utilizzare una pentola antiaderente dal fondo spesso.

Le giuste dosi di acqua dipendono molto dal tipo di farina scelta.

Vanno da 3 a 6 volte.

Verificare sempre l’esatta proporzione sulla confezione.

Mettere a bollire l’acqua nella pentola scelta.

Quando l’acqua bolle unire il sale grosso.

Mescolare bene e aggiungere l’olio.

Versare a pioggia la farina mescolando continuamente con una frusta per evitare che si formino grumi.

Passare dalla frusta al cucchiaio di legno e continuare a girare fintanto che la polenta non è cotta, seguendo le indicazioni del tipo di farina scelto.

La polenta in genere cuoce dai 40 ai 60 minuti in cui va costantemente girata e si capisce che è cotta quando si stacca dai bordi della pentola.

Quando la polenta è cotta versarla su un tagliere di legno e servirla ben calda.

8 curiosità sulla polenta.

  1. Il termine polenta deriva dal latino “puls”, una sorta di polenta di farro.
  2. Nelle campagne si sente spesso chiamare il mais (con cui viene prodotta la polenta gialla), “granoturco” perché nei primi del XVI secolo, nel linguaggio comune del popolo si chiamava “turco” tutto ciò che era straniero e dal momento che questo cereale proveniva dall’altra parte del mondo, veniva definito come tale.
  3. Prima della scoperta del mais, oltre che con farro, orzo, miglio, segale e altri cereali, la polenta si preparava col grano saraceno.
  4. L’origine della farina gialla che usiamo per fare la polenta è riconducibile ad una graminacea chiamata Zea Mays, una pianta oriunda dell’America centrale, conosciuta anche in determinate zone del bacino mediterraneo.
  5. In passato, la polenta era il piatto povero per eccellenza capace di saziare la fame.
  6. La polenta contiene amido, carboidrati, calcio, fosforo, magnesio, potassio, sodio e vitamine del gruppo A e B.
  7. La polenta, come la conosciamo oggi dal tipico colore giallo è derivante dalla farina di mais, cereale introdotto in Europa nel XV secolo, importato dalle Americhe grazie alla spedizione di Cristoforo Colombo.
  8. Nelle cucine del Veneto e soprattutto nelle province di Venezia, di Treviso e di Padova, fino a poche decine d’anni fa quasi quotidianamente si celebrava il rituale della preparazione della Polenta dove per Polenta si intendeva esclusivamente la Polenta Bianca.

Polenta pasticciata al forno.

Ingredienti x 4 persone:

  • 20 g di funghi secchi.
  • 1 cipolla.
  • 50 g di burro.
  • 350 g di polenta.
  • Parmigiano grattugiato q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione:

Ammollare 20 grammi di funghi secchi per 15 minuti e scolarli.

Far soffriggere la cipolla con il burro, aggiungere i funghi, regolare di sale e di pepe e cuocere dolcemente per un’ora.

Ricoprire il fondo di una pirofila imburrata con della polenta precedentemente preparata, aggiungere il parmigiano grattugiato, del burro a fiocchetti e la preparazione con i funghi.

Passare quindi in forno a 180 °C per circa 40 minuti.

Servire calda.

Polenta contadina.

Ingredienti x 4 persone:

  • 400 g di farina.
  • 100 g di ciccioli.
  • 40 g di lardo.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • 100 g di spinaci.
  • Burro q.b.

Preparazione:

Versare 400 g di farina in una ciotola capiente, unire 100 g di ciccioli e 40 g di lardo tritati finemente.

Far bollire un litro di acqua salata e versare nel composto di farina la quantità per un impasto piuttosto consistente, mescolando bene.

Condire con pepe macinato.

Sbollentare 100 g di spinaci.

Imburrare uno stampo e foderarlo con metà delle foglie degli spinaci.

Versare l’impasto nello stampo, coprire con le foglie rimaste e infornare a 180°C per circa 2 ore.

Sfornare e tagliare la polenta a fette spesse.

Servire calda.

Polenta alla milanese. 

Ingredienti x 6 persone: 

  • 200 g di farina da polenta.
  • 400 g di lonza di maiale.
  • un rametto di rosmarino.
  • 4-5 foglie di salvia.
  • 3 foglie di alloro.
  • 3 chiodi di garofano.
  • un pizzico di cannella 
  • 100 g di burro.
  • 50 g di grana padano grattugiato.
  • 1 bicchiere di vino rosso.
  • 2 cipolle.
  • 2 spicchi d’aglio.
  • sale e pepe.  

Preparazione:
Preparare per prima cosa la polenta, mettendo a cuocere la farina nell’acqua bollente dopo che è stata aggiunta precedentemente una noce di burro. 
Mescolare continuamente per una quarantina di minuti. 

A parte macinare la carne, con il proprio grasso, e metterla a rosolare in una padella per dieci minuti circa, fino a che non assumerà una colorazione bruna. Aggiungere un trito di aromi, quindi, dopo aver salato e pepato il composto, togliere dal fuoco. Tritare grossolanamente l’aglio e le cipolle, e metterle a soffriggere nel burro, quando saranno dorate aggiungere il vino, e in ultimo la carne. 

Togliere la polenta, condirla con il composto di carne, poi travasarla in una pirofila da forno unta di burro e metterla a gratinare in forno, a 180° per 10 minuti, cosparsa di formaggio grattugiato.

Servire ben calda.