Proverbi meneghini – Parte 2.

Come abbiamo visto i proverbi sono molto comuni nel dialetto meneghino, soprattutto tra i milanesi doc.

Eccone alcuni:

  • Anca a Milan quand pioeuv l’acqua la bagna.

Anche a Milano quando piove l’acqua bagna.

  • Milan e poeu pù.

Milano e poi più.

  • La cusinna a Milan, la cort a Romma.

La cucina a Milano, la corte a Roma.

  • A sto mond che voeur di bon amis.

A questo mondo servono buoni amici.

  • I amis bon si conossen in di ocasion.

Gli amici buoni si riconoscono nelle occasioni.

  • L’amor e i donn la san longa.

L’amore e le donne la sanno lunga.

  • A tavola se ven mai vegg.

A tavola non si diventa mai vecchi.

  • El vin el fa bon sang.

Il vino fa buon sangue.

  • A mangià domà erba gh’è de diventà verd.

Se si mangia solo insalate si diventa verdi.

  • I desgrazi hinn come i scires, adree a vunna gh’en ven des.

Le disgrazie sono come le ciliegie, dopo una ne arrivano dieci.

  • In mancanza de cavai, se fan trottà i asen.

Se mancano i cavalli si fan correre gli asini.

Annunci

I proverbi meneghini.

I proverbi sono molto comuni nel dialetto meneghino, soprattutto tra i milanesi doc. 
Eccone alcuni:

  • L’erba di alter l’è semper la pussee bona = L’erba del vicino è sempre più verde.
  • El Signor prima ja fa e poeu ja combina = Il Signore prima li fa, poi li mette insieme.
  • Voeuja de lavorà saltom addòss che mì me spòsti = Voglia di lavorare saltami addosso che io mi sposto.
  • La bocca l’è minga stracca se la sa nò de vacca = La bocca non è stanca se non sa di vacca. (Il detto indica, il modo in cui anticamente il formaggio costituiva la portata finale del pasto, perciò il senso di fame non può essere placato finché non si è gustato qualche tipo di latticino come dessert).
  • Fa via la nev e mazaà la gent a l’è un laura’ per nient = Spalare la neve ed ammazzare la gente è un lavoro inutile. (Tanto la neve si scioglie da sola e la gente muore naturalmente).
  • Te seet andaa a scoeul de giovedì = Sei andato a scuola di giovedì. (Alcuni decenni fa il giovedì non si andava a scuola, e per questo dire a una persona che è andata a scuola solo di giovedì è come dire che è uno stolto).
  • Zucca e melon, a la soa stagion = Zucca e melone, a ognuno la sua stagione. (È utilizzato quando si vuole indicare di fare qualcosa in tempi opportuni).
  • Gatta inguantada la ciappa minga i ratt = Gatta coi guanti non prende i topi. (Indica che spesso coi metodi gentili e cauti si ottiene poco).
  • L’acqua l’ha faa i oeuv, el gh’ha inscì de pioeuv = L’acqua fa le uova, ne ha ancora tanto per piovere.(Utilizzato in condizioni come acquazzoni, ove le “uova” non sono altro che le gocce grosse di pioggia al momento della loro “esplosione” al contatto con il terreno).
  • Te gh’ee l’oeucc pussee grand del boeucc = Hai l’occhio più grande dello stomaco. (Detto di chi serve di più cibo di quanto ne può mangiare. In alcuni casi è utilizzato per definire chi fa “il passo più lungo della gamba”).
  • A Milan i murön fan l’uga A Milano i gelsi fanno l’uva, ricalcato sul detto I murun fan minga l’uga (i gelsi non fan l’uva) per dire che a Milano ogni cosa è possibile.