Tagliatelle ai funghi.

Ingredienti x 4 persone:

  • 60 g di strutto.
  • 1 cipolla tritata.
  • 1 peperoncino.
  • 300 g di funghi freschi.
  • Sale q.b.
  • 400 g di tagliatelle.
  • Prezzemolo q.b.

Preparazione:

Soffriggere con 60 grammi di strutto, una cipolla tritata e un peperoncino.

Cuocere per 10 minuti, unire 300 grammi di funghi freschi affettati, salare e terminare la cottura.

Porre sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata e appena bolle, versare 400 grammi di tagliatelle, lasciandole cuocere.

Scolare la pasta al dente, aggiungere i funghi e mescolare bene.

Infine spolverare con del prezzemolo e servire in tavola.

Annunci

Uova allo zafferano.

Ingredienti x 4 persone:

  • 150 g di fagiolini sottili.
  • 500 g di patate novelle.
  • 4 cipollotti.
  • 1 rametto di dragoncello.
  • 6 cucchiai di maionese.
  • Zafferano q.b.
  • 4 uova.

Preparazione:

Pulire 150 grammi di fagiolini sottili e cuocere al vapore con 500 grammi di patate novelle e lasciar raffreddare il tutto.

Pulire quattro cipollotti, tritarli grossolanamente, lavare un rametto di dragoncello e tritare anch’esso.

Mescolare sei cucchiai di maionese con un pizzico di zafferano.

Tagliare i fagiolini e le patate a pezzetti.

Sgusciare quattro uova sode e dividere ognuna in quattro spicchi.

Mescolare tutti gli ingredienti con la maionese allo zafferano e servire.

 

2 Maschere per capelli grassi e danneggiati.

Impacco per capelli grassi all’albume.

Ingredienti:

  • 1 albume d’uovo.
  • 1 tazza di latte.

Preparazione:

  1. Sbattere il tuorlo d’uovo fino a quando non diventerà schiumoso.
  2. Aggiungere il latte e mescolare.
  3. Applicare la miscela generosamente sui capelli, concentrando una quantità maggiore sulle punte.
  4. Lasciare che la maschera penetri nel fusto del capello per 10-15 minuti e infine risciacquare i capelli abbondantemente.

 

 

Maschera per capelli danneggiati al miele, olio d’oliva e aceto.

Ingredienti:

  • 2 cucchiai di miele di acacia.
  • 1 cucchiaio d’olio di oliva o olio di mandorle.
  • 1 cucchiaio di aceto di mele.

Preparazione:

  1. Creare una miscela unendo insieme tutti gli ingredienti e mescolandoli accuratamente fino ad ottenere una consistenza omogenea.
  2. Distribuire il composto ottenuto sulle radici e quindi utilizzare un pettine per distribuirlo su tutta la lunghezza.
  3. Lasciare la maschera in posa per un’ora e risciacquare i capelli.

Salmone all’aglio.

Ingredienti x 4 persone:

  • 4 filetti di salmone.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • 4 spicchi d’aglio.

Preparazione:

Versare tre cucchiai d’olio extravergine d’oliva in una pirofila.

Togliere con cura le lische a quattro filetti di salmone, ma non la pelle.

Mettere i filetti di salmone nella pirofila con la pelle verso l’alto.

Muoverli un po’ per ungerli completamente e girarli dall’altro lato.

Cospargere con il sale e distribuire su tutta la superficie quattro spicchi di aglio tagliati a fette sottili, quindi cuocere in forno già caldo a 200°C per 20 minuti.

Estrarre la pirofila dal forno, togliere l’aglio e servire subito.

Il Circolo dell’Unione a Milano.

Il Circolo dell’unione fu fondato il 28 maggio 1841 da un gruppo di aristocratici milanesi, guidati dal Principe Luigi Barbiano di Belgioioso d’Este (che sarà anche il primo presidente del sodalizio) e da Giovanni Resta, che erano entrambi frequentatori del parigino Jockey Club ed intendevano fondare a Milano un circolo simile.

Il gruppetto di nobili milanesi fondatori del circolo era costituito da cospiratori spediti in esilio e rientrati a Milano dopo l’amnistia concessa da Ferdinando I d’Austria nel 1838.

La prima sede del circolo fu in contrada San Giuseppe presso la Casa Morandet (oggi Via Verdi 7).

Nel 1912 il circolo assunse la denominazione “Club dell’Unione”.

Nel 1935, la denominazione venne mutata in quella attuale di “Circolo dell’Unione”.

Negli anni ’80 del XX secolo il Circolo spostò la propria sede in Via Manzoni 45, presso il Palazzo Borromeo dove si trova ancora oggi.

Il Circolo raggruppa anche ai giorni odierni, prevalentemente le grandi famiglie della nobiltà milanese.

Attualmente conta 644 soci, tutti uomini.

Via Manzoni.

Prima di essere intitolata al romanziere milanese Manzoni, questa via era chiamata “Corsia del Giardino” e nell’Ottocento era considerata la strada più lussuosa d’Europa.

Un ricordo di quell’eleganza ha resistito fino ai giorni nostri, infatti Via Manzoni parte dal Teatro alla Scala di Milano con accanto Palazzo Marino e arriva fino ai Giardini di Porta Venezia.

Lungo la strada è possibile trovare il Grand Hotel et de Milandove morì Giuseppe Verdi e dove ancora oggi è possibile prenotare la Camera di Luchino Visconti.

Proseguendo, al numero 12 si può ammirare il vessillo del Poldi Pezzoli, una delle più belle case museo della città di Milano: all’interno cela opere del Botticelli, Raffaello, Piero della Francesca, Canaletto e il famoso ritratto femminile “La Dama” del Pollaiolo.

 

1.jpg     La Dama del Pollaiolo al Museo Poldi Pezzoli.

 

In via Manzoni al numero 45, si trova anche il Circolo dell’Unione, dove è praticamente impossibile accedere se non si è discendenti di qualche sovrano o famiglia importante di Milano.

3 tisane per combattere raffreddore e influenza.

  • Tisana allo zenzero

    Una buona tisana allo zenzero, sotto forma di infuso è utile per prevenire o curare il raffreddore.

    Preparazione:  preparare una miscela formata da 2 cucchiaini di tè bancha, 2 chiodi di garofano, 1 pezzetto di cannella ed una piccola grattugiata di zenzero essiccato.

    Versare il tutto in una tazza d’acqua bollente. (L’infusione dura dai 3 ai 5 minuti).

    Per preparare una tisana allo zenzero sotto forma di decotto, lasciar sobbollire per 10 minuti una fettina di zenzero fresco in 350 ml d’acqua.

    Lasciar intiepidire, filtrare e aggiungere due cucchiai di succo di limone.

 

  • Tisana alla cannella

    La tisana alla cannella è adatta per ridurre le infiammazioni della gola e contro i malanni invernali.

    Preparazione: portare ad ebollizione la quantità d’acqua contenuta in una normale tazza, insieme a 2 cucchiaini di miele, 2 o 3 cucchiaini di cannella in polvere e 1 pizzico di pepe.

    Bevendola ancora calda si otterrà un effetto liberatorio sulle vie respiratorie.

 

  • Tisana alla melissa

    La melissa è una pianta dalle ottime proprietà calmanti e lenitive, utile in caso di raffreddore, infatti stimola la sudorazione, un aspetto importante che può contribuire ad abbassare la febbre e ad eliminare le tossine intrappolate nell’organismo.

    Preparazione: versare 1 cucchiaino di melissa essiccata in una tazza di acqua bollente, lasciar riposare 5 minuti e filtrare.

    Bere ancora molto calda, per amplificare le proprietà della melissa.

Polpette di Totano.

Ingredienti x 4 persone:

  • 6 totani.
  • Prezzemolo q.b.
  • 3 uova.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Pane grattugiato q.b.
  • Aglio in polvere q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione:

Scottare i totani dopo averli puliti in acqua e sale per una ventina di minuti.

Toglierli dall’acqua, tritarli finemente e porli in una terrina.

Unire il prezzemolo, un pizzico di sale, pepe, dell’aglio e due uova.

Mescolare il tutto in modo da creare un composto omogeneo.

Formare delle palline con il composto precedentemente ottenuto.

Passare le polpette nell’uovo sbattuto e nel pane grattugiato.

Per la cottura: ideale sia cotte in forno che nell’olio.

Se si predilige la cottura in forno, disporre in una teglia ricoperta da carta da forno le polpette, cuocendole a 180°C per 30 minuti.

Se si sceglie la cottura in olio, disporre le polpette in una padella con dell’olio d’oliva caldo e cuocerle finché non avranno assunto una colorazione dorata.

A cottura ultimata disporre le polpette in un piatto da portata, accompagnandole con un contorno di rucola.

Casa Ramen.

Questo caratteristico locale è situato in via Luigi Porro Lambertenghi al numero 25 a Milano.

L’ambiente è molto semplice ma nello stesso tempo dallo stile eccentrico.

Il locale è davvero molto piccolo, ma nonostante questo ci si mette subito a proprio agio, aiutati anche dall’accoglienza gentile e premurosa del personale.

La specialità, così come riporta il nome del locale è il ramen, che viene presentato in diverse varianti, da quello vegetariano, a quello con differenti tipi di carni e la possibilità di personalizzarlo con numerose aggiunte come ad esempio alghe, extra uovo e molte altre.

Il ramen, di ottima qualità è preparato a regola d’arte, io ho optato per il tradizionale brodo con doppia carne e devo dire che quest’ultima ad ogni assaggio era come se si sciogliesse in bocca, a dir poco deliziosa.

Prezzi accessibili (8-13) considerando la qualità delle materie prime.

Uno dei migliori ramen provati a Milano, estremamente consigliato.

 

L’interno del locale:

tintacorda_casaramen_web-3

IMG_6851

 

Il Ramen:

IMG_6850

IMG_6849

IMG_6852

Insalata di uova.

Ingredienti x 4 persone:

  • 300 g di patate.
  • 3 pomodori.
  • 3 uova.
  • 80 g di tonno.
  • Basilico q.b.
  • 1/2 spicchio d’aglio.
  • Menta q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Aceto q.b.

Preparazione:

Lessare trecento grammi di patate, pelarle e tagliarle a cubetti.

Lavare tre pomodori, sbucciarli e tagliarli a rondelline sottili.

Tagliare a spicchi tre uova sode e aggiungere ottanta grammi di tonno.

Unire il tutto in una ciotola e aggiungere qualche fogliolina di basilico.

A parte, schiacciare mezzo spicchio d’aglio e alcune foglioline di menta con un po’ d’olio, di aceto, di sale e di pepe.

Amalgamare il tutto e utilizzare questa salsa per condire l’insalata.

Servire subito.