Curiosità sulla patata dolce.

  1. Le patate dolci sono originarie dell’America e a scoprirle fu Cristoforo Colombo.
  2. La loro introduzione in Europa si deve alla regina Isabella di Castiglia.
  3. Divennero conosciute in Italia grazie a Federico II, gran duca di Toscana che ne volle la coltivazione nel 1630.
  4. La patata americana (o dolce) ha un valore nutrizionale 100 volte superiore alla patata comune.
  5. Soltanto nell’Ottocento, queste patate americane lasciarono il ruolo di curiosità botanica per diventare un ingrediente da utilizzare nelle ricette in cucina.
  6. Hanno un alto contenuto di vitamina B6 che aiuta a prevenire le malattie degenerative e gli infarti.
  7. Sono una fonte di vitamina C che combatte l’influenza e il raffreddore, ma non solo.
  8. Coprono un ruolo importante anche nei processi di digestione e cicatrizzazione, grazie alla produzione di collagene che mantiene la pelle giovane.
  9. Contengono vitamina D, essenziale per il sistema immunitario ed importante regolatrice del livello di energia e dell’umore.
  10. Aiutano a mantenere le ossa sane e agiscono come supporto alla ghiandola della tiroide.
  11. Le patate dolci contengono ferro, che produce globuli bianchi e rossi e aiuta a resistere allo stress e a metabolizzare le proteine.
  12. Hanno un alto apporto di magnesio, un minerale con funzioni anti-stress e rilassante, essenziale per mantenere cuore, sangue, ossa e muscoli sani.
  13. Presentano alti livelli di potassio che aiuta a regolarizzare il battito cardiaco e gli impulsi del sistema nervoso, controllando allo stesso tempo l’attività dei reni.
  14. Hanno un sapore dolce, ma i loro zuccheri naturali vengono rilasciati lentamente nella circolazione aiutando quindi a bilanciare e regolare i livelli di energia.
Annunci

8 Curiosità sulla menta.

  1. Fin dall’antichità Egizi, Greci e Romani utilizzavano la menta sia in cucina che come rimedio naturale, per realizzare impacchi, oli ed infusi benefici.
  2. La menta appartiene alla famiglia delle Labiate.
  3. La menta è una pianta molto resistente, per questo motivo si può trovare dall’Alaska al Kenya, ma privilegia posti in cui la primavera è fredda ed umida e l’estate calda ed asciutta.
  4. Quest’erbacea perenne è presente in oltre 600 varietà.
  5. In diverse culture si pensava che fosse un afrodisiaco, pertanto i fusti fioriti della pianta venivano intrecciati nelle corone delle spose e le foglie venivano sparse sul pavimento della camera da letto.
  6. A seconda della specie, l’altezza della pianta può andare da pochi centimetri fino a raggiungere il metro.
  7. Il fusto della pianta ha una colorazione che spazia dal verde al violetto, con fogliame di colore verde scuro.
  8. La menta è considerata un’erba che mette in fuga i serpenti ed allontana moscerini e zanzare.

7 Curiosità sul salmone.

  1. Il salmone ha un colore particolare, che spazia dall’arancione al rosso, anche se ne esistono con carni bianche. Il colore è dovuto alla presenza di pigmenti di carotenoidi, accumulati nel loro corpo per via della loro alimentazione a base di krill e di altri animali in conchiglia.
  2. Il salmone è un pesce molto bilanciato, 100 grammi apportano 208 calorie e sebbene sia un pesce dalla carne grassa viene considerato un alleato essenziale nelle diete ipocaloriche per le sue note proprietà “anti-fame”.
  3. Il salmone rosa, tra tutti i salmoni, è quello che trascorre il minor tempo nelle acque dolci e per questo è il più salato tra tutti, ma anche il più piccolo: arriva a un massimo di due chili.
  4. La maggior parte dei salmoni che finiscono sulle nostre tavole arrivano dall’Oceano Atlantico e provengono da allevamenti controllati.
  5. Se consumato regolarmente, il salmone viene considerato il pesce “salva cuore” perché è ricco di antiossidanti come gli Omega 3, che fluidificano il sangue.
  6. Fino a pochi anni fa il consumo di salmone affumicato superava di gran lunga quello del salmone fresco, ma con il dilagare della moda del sushi è cresciuto a vista d’occhio anche il consumo di salmone crudo oltre che l’utilizzo in cucina.
  7. A livello nutrizionale sia il salmone “selvaggio” che quello di allevamento hanno un ottimo livello di acidi grassi insaturi, ovvero i famosi Omega 3 e Omega 6, sono ricchi di vitamine A, B e D e minerali come il calcio o il fosforo.

Le mille facce della carota.

Le varietà delle carote si distinguono in base alla forma del fittone (corte, mezze lunghe e lunghe) e in base al colore (arancioni, rosse, viola, gialle, nere e bianche).

Tra le più diffuse sono presenti:

  • Lunga Comune di Napoli (tardiva).
  • Lunga Rossa di Napoli (tardiva).
  • Grelot (corta e precoce).
  • Mezza lunga di Nantes (medio-precoce).
  • Rossa d’Olanda (precoce).
  • Rossa mezzana Chantenay (molto precoce).
  • Rossa di Parigi (corta).
  • Lunga St. Valery (medio-tardiva).
  • Mercado de Paris (molto precoce).
  • Mezza lunga di Touchor (precoce).
  • Rossa mezzana di Amsterdam (molto precoce).
  • Ibrido Nandor (medio precoce).
  • Carota di Polignano (detta anche carota giallo-viola di Polignano).
  • Carota giallo–viola di Tiggiano.

8 Curiosità sulle Carote.

  1. La Daucus carota L. è una pianta della famiglia delle Ombrellifere con un ciclo di vita bienne, ossia produce la radice (di interesse nelle coltivazioni) il primo anno, fiori e semi il secondo anno.
  2. Le carote favoriscono la formazione dell’abbronzatura, proteggendo l’epidermide dai raggi solari.
  3. Le carote, le cui proprietà medicinali erano già conosciute da Greci e Romani, vennero utilizzate come alimento solo a partire dal 1500, in seguito alla selezione di varietà pregiate ottenute a partire dalla specie selvatica.
  4. Le proprietà di queste radici sono fondamentali per mantenere buona la vista e in salute la pelle.
  5. Il colore più diffuso delle radici coltivate è l’arancione, ma ci sono varietà di altre colorazioni, che vanno dal rosso al viola scuro.
  6. La carota è un potente antiossidante che contrasta l’invecchiamento cellulare. In particolare, contrasta i radicali liberi che sono la causa dei danni cellulari nell’organismo.
  7. La carota contiene anche una discreta quantità di vitamine del gruppo B, in particolare B1, B2 e B6.
  8. Grazie alla presenza elevata di sali minerali (tra cui sodio, potassio, calcio, ferro, fosforo e zinco), la carota è un efficace rimineralizzante e tonificante. Svolge un’azione depurativa e rinfrescante per l’organismo.

Le proprietà dello zenzero.

Lo zenzero è la parte sotterranea di una pianta medicinale.

Ha la forma di una radice spessa e contorta, dal colore giallo e dal sapore caratteristico: forte, balsamico e piccante.

Lo zenzero è molto utile come rimedio naturale, queste sono le sue principali proprietà:

  • Digestiva.
  • Calmante per tosse e raffreddore.
  • Diminuisce la sensazione di nausea.
  • Aumenta l’appetito.
  • Ha proprietà ipocolesterolemizzante.
  • Protegge fegato e cistifellea.
  • Rinfresca l’alito.
  • Elimina il gonfiore addominale.
  • Accelera il metabolismo.

10 Curiosità sull’Avocado.

  1. L’avocado è un frutto (appartenente alla famiglia delle Laureaceae) di consistenza molto cremosa.
  2. 100 grammi di un avocado maturo, contengono mediamente 8 grammi di carboidrati e 10-20 grammi di grassi, ma la percentuale di grassi, principalmente monoinsaturi, può arrivare anche al 30% a seconda della varietà.
  3. Esistono diverse qualità di avocado che variano per dimensione, forma, colore, texture della buccia e ovviamente gusto, ma forse la più popolare e apprezzata è la tipologia Hass.
  4. Il Messico è il principale produttore ed esportatore di avocado del mondo.
  5. L’avocado ha un profilo nutrizionale davvero unico: 100 grammi di avocado apportano circa 160 calorie e la presenza di fibre, grassi buoni, vitamine del gruppo B, vitamina K, potassio, vitamina E e vitamina C.
  6. Un albero di avocado può produrre fino a 500 frutti l’anno.
  7. Sino alla fine degli anni ’20 negli USA la varietà più popolare di Avocado era la Fuerte, trovata in Messico da Carl Schmidt nel 1911 e coltivata in California.
  8. Questo frutto vanta molte proprietà benefiche tra cui la capacità di rallentare il processo di invecchiamento cellulare e contrastare i depositi di colesterolo nel sangue, per questo è inserito in prodotti per il trattamento e il benessere delle funzioni cardiache e sanguigne.
  9. Molti degli amminoacidi dell’avocado si trovano proprio nel seme. Seccato e triturato può essere aggiunto a zuppe, frullati e insalate.
  10. Le foglie di avocado sono spesso utilizzate nei piatti messicani per il loro sapore simile a quello dell’anice.

11 Curiosità sullo zafferano.

  1. La città di Saffron Walden nell’Essex prende il nome dalla spezia, essendo il centro del commercio inglese di zafferano.
  2. L’origine dello zafferano è tutt’ora incerta e si suppone che l’area di una prima diffusione sia quella che si estende dal medio oriente alla penisola ellenica.
  3. Il fiore dello zafferano venne ufficialmente introdotto in Italia come coltivazione solo alla fine del 1200, grazie al padre domenicano Domenico Santucci, nato a Navelli, in provincia dell’Aquila, che visse a lungo al servizio del Tribunale dell’Inquisizione, in Spagna.
  4. La raccolta dei fiori di zafferano avviene all’alba, prima che gli stigmi si aprano, per preservarne il sapore e l’aroma.
  5. Servono circa 100mila fiori per produrre “appena” mezzo chilo di zafferano e servono circa 500 ore di lavoro.
  6. Alessandro Magno si lavava i capelli nello zafferano per mantenerne il meraviglioso colore arancione lucido.
  7. Lo zafferano si raccoglie in appena 20 giorni, tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre.
  8. Per non rovinare i pistilli le operazioni di raccolta vanno eseguite rigorosamente a mano, da raccoglitori (quasi sempre donne, perché hanno le mani più piccole) specializzate, che staccano i tre stigmi uno per uno.
  9. In Italia lo zafferano viene coltivato in sei regioni: Sardegna, Abruzzo, Toscana, Umbria, Emilia Romagna e Liguria, che insieme coltivano circa 50 ettari l’anno.
  10. Durante il medioevo ci fu un intenso uso di questa spezia che era conosciuta soprattutto per le proprietà curative, ma solo in pochi se ne potevano permettere l’uso a causa dell’elevato costo.
  11. Nel Trecento lo zafferano era uno dei prodotti che aveva la tassa di dogana in uscita più alta e in molti casi sostituiva la moneta.

9 Curiosità sulle api.

  1. Le api operaie cominciano a produrre il veleno dal 15° giorno, ma solamente a partire dal 20° giorno d’età della vita adulta, possiedono la capacità di aggredire e pungere.
  2. Nella parte terminale dell’addome l’ape ha una ghiandola odorifera detta di Nasònov, che secerne feromone, che facilita il ritrovamento dell’alveare da parte di tutta la colonia, favorisce l’aggregazione dello sciame e marca le sorgenti alimentari.
  3. La regina si accoppia una sola volta nella vita e lo fa con circa 12 fortunati fuchi durante il volo nuziale.
  4. Le api volano per circa 3 km di distanza, poi tornano esattamente all’arnia da cui sono uscite: se si sposta l’arnia per più di 20 cm, non saranno in grado di ritrovarla.
  5. Per produrre un chilogrammo di miele le api devono volare per circa 144.000 chilometri, l’equivalente di tre giri e mezzo del mondo.
  6. Fu lo zoologo premio Nobel, Karl Von Frish a scoprire il “linguaggio delle api”.
  7. L’ape italiana (Apis Mellifica ligustica) è una razza molto produttiva, docile e tra le più apprezzate al mondo dagli apicoltori.
  8. Le api sono in grado di rubare: quando le risorse scarseggiano, tendono a entrare negli alveari deboli per sottrarre il miele.
  9. Le api devono bere e preferiscono l’acqua sporca a quella di sorgente. Il loro metabolismo necessita di sali minerali abbondanti nell’acqua stagnante e scarsi in quella pura.

Il primo maggio.

  • Il primo maggio è il 121º giorno del calendario gregoriano.
  • Il primo maggio del 1941, a New York, venne proiettato per la prima volta il film Quarto potere (Citizen Kane) di Orson Welles.
  • Compiono gli anni: Javier Bardem (attore spagnolo), Leonardo Bonucci (calciatore italiano), Violante Placido (attrice italiana) e Ricky Tognazzi (attore e regista italiano).
  • Il primo maggio del 2003 il presidente degli Stati Uniti George W. Bush dichiara la fine della Seconda guerra del golfo.
  • Il primo maggio del 1956 il vaccino antipoliomelite sviluppato da Jonas Salk, viene reso disponibile al pubblico.
  • Il primo maggio del 2004, entrano a far parte dell’UE dieci nuovi paesi: Polonia, Slovenia, Ungheria, Malta, Cipro, Lettonia, Estonia, Lituania, Repubblica Ceca e Slovacchia.
  • Il primo maggio del 1948, la Repubblica Democratica Popolare di Corea (Corea del Nord) viene fondata, con Kim Il Sung come presidente.
  • La festività del 1° maggio ha origine nell’Ottocento: si tratta di una giornata di lotta condivisa internazionalmente dai lavoratori desiderosi di affermare i propri diritti senza condizionamenti sociali o geografici, con l’obiettivo di migliore la propria condizione lavorativa e di auspicare al progresso sociale.
  • Il primo maggio 1967 fu celebrato il matrimonio tra Elvis Presley e Priscilla Beaulieu.
  • Il primo maggio si festeggiano: Sant’Arigio, Sant’Asaf, San Brioco, Sant’Ipolisto e San Marculfo.