Santa Maria a Monaco di Baviera.

Santa Maria è il personaggio più venerato della scena religiosa bavarese.

Una colonna dorata a lei dedicata è stata posta a Marienplatz, la principale piazza di Monaco di Baviera che porta il suo nome.

La particolarità è legata ai quattro angioletti armati, tipici del barocco.

I quattro vittoriosi angeli sono lì per sconfiggere i mali che seguirono la Guerra dei Trent’anni, accanendosi sull’Europa: carestia, peste, guerra ed eresia, rappresentate da un drago, un basilisco, un leone e un serpente.

Questa colonna è un popolare punto di incontro nel centro storico della città.

L’orafo monacense.

La leggenda sull’orafo monacense narra che:

C’era una volta un noto orafo a Monaco di Baviera, la cui bottega si trovava proprio all’entrata dell’antica fortificazione della città, in quella che oggi è chiamata Karlsplatz.

La leggenda vuole che allo sfortunato orafo fu commissionata, da un uomo benestante, la creazione di un costoso gioiello.

Un giorno, il prezioso gioiello scomparì.

Tutti diedero la colpa al povero orafo che fu condannato a morte.

Mentre il povero uomo veniva portato verso la porta della torre, conosciuta come Schöner Turm (bella torre), per l’esecuzione, urlò: “Un giorno scoprirete la verità e realizzerete che non sono colpevole”.

Poco dopo l’esecuzione, il gioiello fu trovato in un nido sulla torre.

Si dice che ancora oggi le anime di coloro ingiustamente condannati vaghino in questa zona.

10 Curiosità su Monaco di Baviera.

  1. Bayernhymne (Inno della Baviera): è l’inno ufficiale dello Stato Libero di Baviera. La melodia, scritta nel 1835 da Max Kunz, venne completata dal poeta Joseph Maria Lutz.
  2. La Baviera è uno dei 16 Stati federati della Germania (Lander).
  3. Nel 2015 uno studio della società di consulenza globale Mercer, ha classificato Monaco di Baviera al quarto posto tra le 20 città del mondo con la miglior qualità della vita.
  4. La Baviera ha un Landtag (“parlamento”) unicamerale, eletto con suffragio universale.
  5. Monaco di Baviera ha un clima continentale, fortemente influenzato dalla posizione geografica in prossimità delle Alpi.
  6. La media annua delle precipitazioni si attesta sui 1.000 millimetri.
  7. Bianco ed azzurro: sono i colori della Baviera e si ritrovano anche sulla bandiera del land.
  8. Dirndl e Lederhosen: curiosi, originali ed appariscenti, i tipici abiti bavaresi sono un vero e proprio simbolo. Quando si parla di Lederhosen si parla dei pantaloni in cuoio (lunghi fino a sopra o sotto il ginocchio) indossati dagli uomini, mentre il Dirndl è il classico abito femminile con grembiule.
  9. I bavaresi sono molto orgogliosi dei loro abiti tradizionali e li indossano, con disinvoltura, nelle occasioni importanti: feste, matrimoni e per la sfilata dell’Oktoberfest.
  10. Marienplatz, è la principale piazza di Monaco nonché, per secoli, importante snodo commerciale. Marienplatz, infatti, ha sempre avuto una spiccata vocazione mercatale che oggi rivive durante il periodo natalizio col Cristkindlmarkt (il Mercatino di Gesù Bambino) famoso per gli stand in legno che occupano per intero la piazza.

La leggenda dell’Hofbräuhaus.

Hofbräuhaus, fabbrica di birra, la più antica birreria di Monaco di Baviera nasconde una storia piuttosto particolare.

In origine, essendo stata concepita come fabbrica, questa grande sala non prevedeva toilette.

Nel tempo si è ampliata, fino a diventare un luogo di ritrovo degli amanti della birra, che pur di godersi la loro bevanda preferita, non si lasciavano intimidire dalla mancanza del bagno.

In caso di bisogno, i visitatori della Hofbräuhaus non avevano altra scelta che nascondersi in qualche stradina nei dintorni.

Lasciare il proprio posto al tavolo era però rischioso e spesso, una volta rientrati, si rimaneva senza posto a sedere e senza neanche più il proprio boccale di birra.

I frequentatori del locale erano stanchi di perdere il proprio posto ogni volta e per questo iniziarono a fare i propri bisogni direttamente lì, sotto al tavolo.

Per avvertire le persone sedute di fronte del “pericolo” imminente, ebbero una nuova idea: un bastone per colpire le persone sedute dall’altra parte del tavolo.

Dato che nessuno amava i lividi che somigliavano a quelli della peste nera, si decise di dare al bastone una nuova veste.

La versione aggiornata del bastone era più che altro un tubo attraverso cui l’urina poteva scendere e arrivare sotto al tavolo.

Per fortuna, i tempi moderni hanno visto la nascita dei bagni pubblici e oggi la famosa birreria Hofbräuhaus è attrezzata con toilette separate per uomini e per donne.

Il Lindwurm.

L’imponente Vecchio Municipio di Marienplatz può trarre in inganno e indurre a credere che si tratti di un edificio antico.

In realtà è stato edificato poco più di cento anni fa.

Costruito in stile neogotico, questo simbolo di Monaco di Baviera è davvero suggestivo.

L’elaborata facciata nasconde molti dettagli ispirati al Medioevo, periodo in cui sono ambientati interessanti miti e leggende della città.

La minacciosa statua di un drago guarda i passanti dal lato sinistro dell’edificio.

Il nome, però, non è nuovo, ma risale al XVII secolo, quando la peste nera devastò l’Europa uccidendo oltre 7.000 cittadini di Monaco di Baviera.

Secondo la leggenda, un gigantesco drago sorvolò la città portando la peste nera con il suo alito velenoso.

Alcuni coraggiosi uomini riuscirono ad uccidere il mostro con un colpo di cannone lanciato nello stesso posto in cui si trova la statua.

Se ci si avvicina abbastanza, sarà possibile notare non solo la statua del drago, ma anche delle statue di persone che corrono per mettersi in salvo e degli uomini che, a quanto pare, salvarono la città.

Monaco di Baviera.

Monaco di Baviera è una città extracircondariale della Germania meridionale e capitale della Baviera.

Situata sulle rive del fiume Isar, dopo Berlino ed Amburgo è la terza città tedesca per numero di abitanti, con una popolazione di circa 1.464.301 residenti nel comune, 1.808.550 se si considera anche il circondario di Monaco e circa 2,7 milioni nell’area metropolitana.

 

 

Innsbruck.

Innsbruck è il capoluogo del Tirolo Settentrionale e dello stato federato austriaco del Tirolo, nonché capitale della regione storica nota con il nome di “Principesca Contea del Tirolo”.

Situata a 574 metri sul livello del mare e con 130.894 abitanti, Innsbruck è la quinta città più grande dell’Austria (dopo Vienna, Graz, Linz e Salisburgo).

È attraversata dal fiume Inn da cui prende il nome; infatti il suo nome deriva da “Inn e Brücke” e significa “Ponte sull’Inn”.

 

Orsi a Berlino!

Tra i maggiori simboli di Berlino, il protagonista indiscusso è sicuramente l’orso, che si trova anche sulla bandiera di Berlino.

Questa scelta di fare dell’orso uno dei principali simboli di Berlino, è dovuta al fatto che il nome stesso della città  deriverebbe dal tedesco Bãr, che vuol dire per l’appunto “orso”.

L’orso venne adottato fin dalla fondazione della città , avvenuta nel 1280, tra i simboli di Berlino e compare anche negli stemmi di molte famiglie nobiliari.

Oltre che nella bandiera della città  e nello stemma di alcune tra le maggiori famiglie nobiliari di Berlino, l’orso è possibile trovarlo raffigurato, sotto forma di grande statue decorate con i motivi più disparati, nelle principali vie pedonali della città.

IMG_6130

IMG_6306

IMG_6303

IMG_6732

IMG_8403