Tisana mela e cannella.

E’ possibile consumare questa tisana sia calda, perfetta per i periodi più freddi dell’anno, sia fredda, per una pausa rinfrescante.

Ingredienti:

  • 3 cucchiai di tè (è possibile scegliere il tipo di tè che si preferisce: nero, verde…)
  • 2 mele rosse (piccole).
  • 2 stecche di cannella.

Preparazione:

Lavare bene e sbucciare le mele.

Mettere in un pentolino due tazze d’acqua (circa 500 ml) e portarla quasi a ebollizione, aggiungere le bucce delle mele, le stecche di cannella e il tè poi lasciare il tutto in infusione per almeno 10 minuti.

Passato il tempo necessario, filtrare con l’aiuto di un colino e versare la bevanda nelle tazze.

La tisana è pronta per essere gustata.

E’ possibile dolcificarla con un cucchiaino di zucchero o se si gradisce con del miele d’acacia.

Il sapore intenso della cannella insieme a quello dolce e fruttato della mela creano un connubio davvero gustoso e piacevole.

La cannella oltre ad avere un profumo avvolgente è un ottimo antiossidante ed è ricca di proprietà benefiche.

I mille usi della menta.

Le foglie della menta sono ricche di mentolo, un principio attivo che possiede diverse proprietà tra cui quella:

– Rinfrescante.

– Digestiva.

– Antisettica.

– Antispasmodica.

– Anti fermentante.

– Dissetante.

– Tonificante.

Grazie alle sue molteplici proprietà, la menta viene impiegata nella risoluzione di alcuni problemi come:

Alitosi

Con le foglie della menta è possibile creare un ottimo collutorio; basta lasciare in infusione per 10 minuti le foglie di menta in acqua bollente.

Febbre, asma e sintomi influenzali

L’olio essenziale può essere utilizzato per abbassare la febbre alta e per trattare tosse ed asma.

Mal d’auto o mal di mare

Per prevenire la nausea ed il vomito causato da questi malori si può bere un infuso ricavato dalle foglie di menta fresca 2-3 giorni prima di partire.

Indigestione, stomaco infiammato o disturbi gastrointestinali

L’aroma della menta stimola la produzione degli enzimi addetti alla digestione, facilitandola.

Punture d’insetto o ustioni

Dopo una puntura d’insetto le foglie fresche di menta allevieranno prurito e gonfiore.

Aiuto alla memoria

Uno studio ha sottolineato che le persone che masticano spesso gomme da masticare hanno una memoria ed una prontezza mentale superiore a chi non le utilizza.

Dieta

La menta è un’ottima alleata per restare in forma in quanto effettua un’azione diuretica.

Tisana drenante ai peduncoli di ciliegio e tè verde.

I peduncoli di ciliegio sono i piccoli rametti che tengono unite le ciliegie e che hanno un’efficace azione drenante.
Il tè verde invece è un ottimo antiossidante per l’organismo.
Ingredienti:
  • 20 g di peduncoli di ciliegio.
  • 20 g di tè verde.

Preparazione:

Dopo aver miscelato tutti gli ingredienti in un contenitore, far scaldare circa 300 ml di acqua.
Quando sarà arrivata ad ebollizione spegnere il fuoco e versare un cucchiaio di tisana al ciliegio e tè verde.
Lasciare a riposo per circa 5 minuti.

Filtrare e bere molto calda.

Tisana rinfrescante alla menta.

Occorrente:
  • 250 ml d’acqua.
  • 1/2 cucchiaino di zucchero di canna (facoltativo).
  • 15 foglie di menta.
  • Scorza di limone q.b.

Preparazione:

In un bicchiere alto mettere delle foglie di menta e versarci sopra dell’acqua calda.
Se si gradisce aggiungere mezzo cucchiaino di zucchero di canna.
Lasciare che l’acqua raffreddi, fino a raggiungere la temperatura ambiente e aggiungere delle scorze di limone e qualche altra foglia di menta.
Togliere le scorze e infine servire aggiungendo all’ultimo momento dei cubetti di ghiaccio.

Tisana rilassante: Passiflora e Melissa.

Questa tisana è utile in caso di ansia, panico, spasmi del ventre e disturbi intestinali di natura emotiva, dovuti ad esempio allo stress.

Occorrente:

  • 250 ml di acqua.
  • 1 cucchiaino di passiflora.
  • 2 cucchiai di melissa.

Preparazione:

Portare a ebollizione l’acqua, spegnere il fuoco, versare le erbe e lasciar riposare la tisana, coperta, per 5 minuti.

Filtrare accuratamente e bere molto calda.

Guida all’utilizzo delle erbe per le tisane rilassanti “fai da te”.

Ecco quali sono le principali erbe rilassanti, ideali per essere utilizzate nella preparazione di tisane “fai da te” e che benefici apportano all’organismo:

  • Camomilla: molto rilassante, indicata contro l’ansia e i disturbi del sonno e contro gli spasmi dolorosi del ventre (ma bisogna considerare la risposta a quest’erba, poichè è molto soggettiva: ad alcuni fa l’effetto opposto, infatti tende a dare lo stesso effetto del caffè); sconsigliata in gravidanza perché in soggetti sensibili potrebbe stimolare le contrazioni.
  • Tiglio: ottima pianta antistress, ideale come la camomilla per favorire il riposo, ottimale in caso di tosse stizzosa dovuta all’ansia.
  • Basilico sacro (Tulsi): calmante e rilassante, ottima per preparare tisane contro lo stress.
  • Passiflora: ideale contro ansia, tristezza ed attacchi di panico.
  • Valeriana: ottima contro l’agitazione ed il nervosismo, buona anche contro l’insonnia. Poco efficace contro l’ansia. Ha un odore molto sgradevole quando è secca.
  • Biancospino: molto utile contro le palpitazioni e l’aritmia cardiaca, indicato sia per disturbi dell’ansia che del sonno (rivolgersi al medico prima di assumerlo perché ha varie controindicazioni).
  • Luppolo: favorisce il sonno e calma l’irrequietezza.
  • Lavanda: ideale contro l’ansia ma in piccole dosi altrimenti sortisce l’effetto opposto, ideale anche contro l’insonnia, ha inoltre un effetto rilassante sulla muscolatura liscia.
  • Melissa: ottima contro l’ansia che si manifesta come somatizzazione a livello dell’apparato digestivo, calma gli stati d’ansia e di nervosismo.
  • Verbena: migliora l’umore, calma l’ansia ed i nervi (non utilizzare in gravidanza).
  • Escolzia: ottima per migliorare il sonno e calmare gli stati di agitazione.
  • Malva: ha proprietà rilassanti soprattutto a livello fisico.

Tisana rinfrescante di Mandorle dolci e Menta piperita.

Ingredienti x 2 litri di tisana:

  • 100 g di mandorle dolci.
  • 10 foglie di menta piperita fresca.
  • 1 cucchiaio di latte.
  • 2 l di acqua naturale.

Preparazione:

Pestare nel mortaio le mandorle dolci, aggiungendo il latte per agevolare l’operazione.

Porre le mandorle pestate in una pentola insieme a 2 l di acqua naturale.

Portare lentamente ad ebollizione, mantenendola per 5 minuti.

Spegnere la fiamma, aggiungere la menta fresca e lasciare riposare il tutto per altri 5 minuti.

Filtrare accuratamente il tutto.

Dolcificare con miele e porre in frigorifero per alcune ore, 2-3 circa.

Servire molto fredda, decorando la tisana con qualche fogliolina di menta.

Tisana per depurare l’organismo.

Ingredienti:

  • 30 g di Tarassaco.
  • 25 g di Cardo Mariano.
  • 25 g di Carciofo.
  • 20 g di curcuma.

Modi e Dosi:

Preparare un infuso immergendo due cucchiai del mix di erbe in mezzo litro di acqua bollente.

Bere una tazza alla sera prima di andare a dormire e tenerne una da bere al mattino seguente quando si è a digiuno.

Se il sapore risulta essere troppo forte e lo si vuole rendere meno amaro, aggiungere una punta di liquirizia.

Mentre se oltre a depurare il fegato si cerca un rimedio contro la stitichezza, unire un pizzico di frangula.

Curiosità:

Il tarassaco ha proprietà purificanti e antinfiammatorie perché attiva gli organi che si occupano della trasformazione delle scorie (reni, fegato e pelle).

Il cardo mariano è decongestionante e libera dalle tossine ambientali e da quelle generate dal cibo.

Il carciofo ha poteri depurativi e antiossidanti cosi come la curcuma, soprattutto nei confronti del fegato.

 

I benefici delle Tisane.

Grazie alle loro molteplici proprietà, le erbe officinali contenute nelle tisane aiutano a eliminare le tossine accumulate, spesso a causa di un’alimentazione sbilanciata o troppo ricca di grassi, più probabile durante i mesi freddi.

Per prima cosa occorre definire la parola “Tisana”, cioè una preparazione liquida, spesso calda, solitamente priva di caffeina, nella quale possono essere presenti oltre che alle erbe officinali, anche moltissime spezie.

Per essere definita tale però una tisana, deve comprendere:

  • Rimedio base: erba o insieme di erbe da cui si estraggono i principi attivi.
  • Adiuvante: che lavorando in sinergia con il rimedio base, ne favorisce l’assorbimento.
  • Complemento: che migliora l’aspetto della tisana.
  • Correttore: che permette di definire molte caratteristiche organolettiche, tra cui anche l’odore, il sapore e la consistenza della tisana.

Le tisane depurative agiscono soprattutto sugli organi che più tendono a intossicarsi (fegato e reni), ma le possibilità sono tante e si differenziano a seconda dell’effetto che si desidera ottenere.

Tutte però contengono un mix di erbe, ognuna con specificità diverse.

L’effetto detox però non è immediato, infatti è necessario bere con costanza le tisane, almeno per un ventina di giorni e per accentuare i loro benefici è consigliabile abbinarle sempre a una dieta equilibrata.

Le proprietà delle erbe adatte alle tisane rilassanti.

Le tisane rilassanti possono avere diverse erbe come base di preparazione, vediamo tra quali si può scegliere e quali sono le loro proprietà:

  • Malva: quest’erba è un vero toccasana, le sue proprietà sono utili a risolvere molti problemi, contribuendo anche al rilassamento del corpo e della mente. Un’ottima preparazione prevede la malva con aggiunta di ortica, gramigna, verbena e finocchio.
  • Passiflora: è conosciuta per la principale proprietà antispasmodica e calmante,  ai tempi della prima guerra mondiale, la passiflora fu persino utilizzata nella cura delle “angosce di guerra”.
  • Melissa: rilassa lo stomaco e le sue pareti, utilissima anche contro l’ansia.
  • Camomilla: ha proprietà digestive, antispasmodiche, antinevralgiche, sedative, utile contro le infiammazioni.
  • Tiglio: utile contro i disturbi del sonno, ha proprietà calmanti e sedative e ha ottime proprietà anche diuretiche.
  • Valeriana: è il miglior rimedio naturale per il buon funzionamento del sistema nervoso centrale.
  • Lavanda: cura il mal di testa e l’insonnia.
  • Biancospino: è utile per chi soffre di palpitazioni e tachicardia.
  • Verbena: nella tradizione popolare il giorno migliore per raccoglierla è la notte del 24 giugno, Notte di San Giovanni o Notte delle Streghe; la verbena favorisce la serenità e la pace interiore, allontanando le angosce.
  • Escolzia o papavero della California: agisce sul sistema nervoso, favorendo il sonno e rilassando tutto il corpo.
  • Basilico: è un ottimo rilassante naturale.